/ Politica

Politica | 09 febbraio 2024, 07:41

"Affaire Stadio", Amoretti e Mameli: "Cento anni di storia non possono essere lasciati in questo stato"

Nota social delle consigliere del gruppo misto a commento della nostra inchiesta sul Nino Ciccione

"Affaire Stadio", Amoretti e Mameli: "Cento anni di storia non possono essere lasciati in questo stato"

"Cento anni di storia non possono essere lasciati in questo stato. Lo stadio di piazza d'armi è una struttura  nata per il calcio, oggi non più adeguata alle necessità attuali e quindi deve essere potenziata, valorizzata, non sminuita", lo scrivono in una nota social le consigliere del Gruppo misto Laura Amoretti e Silvia Mameli.  

"Servono gli adeguamenti dei settori per il pubblico, uno spazio riscaldamento, una palestra, nuovi spogliatoi". 

"Gli spazi sono già minimi  e non sembrano poter coesistere  con altre attività che non c'entrano col calcio e che possono facilmente trovare spazio in altre zone della città".

"Il 'Ciccione' può e deve diventare anche un campo dove anche squadre importanti  possono venire a giocare e ad allenarsi". 

"Il calcio che, con l'Imperia, nasce addirittura un attimo prima della città, non è un sottoprodotto, fa parte dell'identità imperiese e di un territorio anche più ampio. 

Non vogliamo che venga dimenticato!", concludono Amoretti e Mameli

Diego David

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium