/ Eventi

Eventi | 02 febbraio 2024, 18:55

Alla "Lagorio" un incontro dedicato all'Osservatorio Meteorologico di Imperia e alle allerte (foto e video)

Il professor Nicola Podestà: "Una volta che l’allerta è emanata, si procede con il monitoraggio eseguito grazie all’utilizzo dei dati, tra cui quelli dell’Osservatorio del capoluogo”

Alla "Lagorio" un incontro dedicato all'Osservatorio Meteorologico di Imperia e alle allerte (foto e video)

Un nuovo incontro, organizzato dal Circolo Parasio, dedicato all’Osservatorio Meteorologico di Imperia e all’importanza e attualità delle osservazioni meteorologiche.

LE INTERVISTE

Questo incontro si concentra di meteorologia di previsione, dei modelli matematici che sovraintendono la previsione del tempo, alla loro storia e alle problematiche -spiega Nicola Podestà, presidente dell’associazione Amici dell’Osservatorio - In particolare, ci interessa il discorso a livello regionale, grazie al contributo di Francesca Giannoni direttrice dell’Arpal di Genova, l’ente che controlla l’andamento del clima e le previsioni in Liguria. Il rappresentante dell’aeronautica, il sovrintendente Maurizio Sabatino espone i modelli matematici, le problematiche che stanno dietro ai modelli e le difficoltà che ci sono state per trovare modelli affidabili. Chiudiamo così il discorso meteorologico legato all’Osservatorio di Imperia, che fa parte della rete Arpal e i cui dati servono a livello non solo locale, ma anche regionale, europeo e internazionale”.

È il secondo appuntamento dedicato all’Osservatorio, un pezzo importantissimo della nostra comunità -aggiunge Simona Gazzano, presidente del Circolo Parasio -È un pezzo importante della nostra città, abbiamo scoperto nuovi aspetti della sua storia, i protagonisti della sua nascita e crescita e abbiamo capito cosa vi accade, a livello scientifico, al suo interno”.

Il sistema di allertamento regionale è basato su una catena previsionale, partendo dalla previsione metereologica in base a una valutazione idrologica svolta dai nostri tecnici, prefigurati degli scenari di criticità viene emanata, nei casi di necessità, un’allerta idrogeologica -spiega l’ingegnera Francesca Giannoni, responsabile del servizio meteorologico Arpal Liguria - Una volta che l’allerta è emanata, si procede con il monitoraggio eseguito grazie all’utilizzo dei dati, tra cui quelli dell’Osservatorio di Imperia”.

Presso la 115° Squadriglia Radar di Capo Mele, unica in Italia che ha compiuto a novembre sessant’anni -aggiunge il primo luogotenente Maurizio Sabatino -raccogliamo i dati ogni ora e tutte le variazioni significative di temperatura, pressione e umidità e le trasmettiamo nella nostra rete nazionale per fornire indicazioni agli equipaggi di volo che sorvolano la nostra zona. Forniamo anche messaggi sinottici che servono per produrre le carte metereologiche euro-atlantiche, sono dati di superficie, la nostra stazione fa parte di un sistema complesso di raccolta dati”.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium