/ Cronaca

Cronaca | 01 giugno 2024, 07:35

Un occhio al cielo. Le previsioni meteo del fine settimana a cura di Stefano Sciandra

Oggi giornata stabile dopo qualche disturbo ieri per linea temporalesca che si è confermata comunque troppo alta per l'imperiese. Domani nel pomeriggio nuova instabilità nell'entroterra

Un occhio al cielo. Le previsioni meteo del fine settimana a cura di Stefano Sciandra

Aggiornamento meteorologico in vista del fine settimana. Come anticipato martedì scorso, non ho emesso bollettini in questi giorni stante la cronicizzazione di una variabilità che per questo periodo si è confermata ampiamente.

Qualche disturbo in più nella giornata di ieri nell'ambito di una linea temporalesca che avevo comunque valutato troppo alta per l'imperiese e che al di là di qualche colpo di tuono e di qualche piovasco localizzato (durata di una mezz'ora) a macchia di leopardo non ha prodotto effetti significativi a differenza del settore di Nord-Est della Penisola e di Piemonte e Lombardia dove si sono verificate piogge anche intense.

(L'ennesima instabilità contemplata dal modello americano GFS per il pomeriggio di domani)

Quindi, onde evitare copia e incolla ho preferito aspettare qualche giorno anche se il canovaccio almeno al momento resta più o meno lo stesso. Oggi avremo una giornata completamente stabile sulla nostra provincia con un calo delle temperature minime e massime in lieve aumento, ventilazione debole.

Domani e lunedì tornerà l'instabilità a conferma di un trend per il momento grosso modo inalterato. Si tratterà di fenomeni che riguarderanno principalmente il medio alto entroterra mentre sulla fascia costiera non si verificheranno disturbi.

Gettando lo sguardo sul medio lungo periodo una netta rimonta anticiclonica è contemplata tra il 7 e il 12 di giugno.

(Il campo di alta pressione contemplato dal modello americano GFS nel periodo tra il 7 e il 12 giugno)

Per il Centro e il Sud Italia si avranno condizioni stabili mentre al Nord persisterà un'ansa depressionaria (con l'anticiclone posizionato alle basse latitudini) in grado di apportare classici fenomeni pomeridiani soprattutto a ridosso dei settori alpini e delle alte pianure.

Appuntamento a metà settimana per valutare la risalita pressoria in arrivo

Stefano Sciandra

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium