/ Rugby

Rugby | 02 aprile 2024, 07:11

Il bilancio della stagione dell’Union Riviera Rugby con il presidente Zorniotti

"Numerose le attività che non solo hanno alimentato la passione per la palla ovale ma hanno anche avuto un impatto positivo sulla comunità", dice il numero 1 del club

Il bilancio della stagione dell’Union Riviera Rugby con il presidente Zorniotti

Passate le vacanze di Pasqua è il momento perfetto per fare il punto sulla stagione finora per l’Union Riviera Rugby. Faccia faccia, dunque, con Massimo Zorniotti, presidente dell’Union Riviera Rugby, per parlare dell’andamento che ha caratterizzato le categorie Senior, U18 e U16 del club, tutte attivamente coinvolte nelle loro divisioni della Coppa Mari e Monti, una competizione che vede partecipare squadre liguri e piemontesi.

La nostra stagione finora è stata caratterizzata da significativi miglioramenti e da una ferma volontà di creare un impatto tangibile nel mondo del rugby e locale.

Le nostre squadre U16, U18 e seniores hanno dimostrato un impegno straordinario nel rispettare tutti gli impegni dei rispettivi campionati di categoria, nonostante le sfide come la carenza di organico, particolarmente evidente nella talentuosa U16.

Il lavoro del tecnico Castaldo ha portato a cambiamenti significativi nei sistemi di gioco adottati da tutti e siamo fiduciosi che la nuova metodologia adottata porterà grandi soddisfazioni", sottolinea Zorniotti. 

"Vediamo nei nostri ragazzi U18 il potenziale per la prima squadra, nella quale da quest’estate abbiamo introdotto nuovi giovani, e con grande impegno si stanno adattando con successo ad un nuovo ritmo di campionato. È sorprendente vedere giovani come ad esempio la nostra prima linea della mischia, con giocatori nati sia nel 2002 che nel 2005, stiano dimostrando un’impressionante maturità sul campo".

"Stiamo investendo nei nostri giovani e nei nostri tecnici, puntando su una filosofia di crescita interna che, siamo certi, porterà i suoi frutti nel lungo termine".

"I cambiamenti che stiamo apportando non riguardano solo il campo di gioco, ma anche la nostra struttura. Abbiamo in partenza progetto per il nostro stadio con gli spogliatoi internazionali, con i lavori che inizieranno il prossimo mese".

"Rapporti stretti con la Federazione Italiana Rugby e il gemellaggio con la squadra irlandese Bangor rappresentano il nostro impegno nel costruire relazioni significative, i tornei di maggio e giugno dell’ U18 e U16 e delle categorie dei piccoli porteranno una grande affluenza di giocatori da tutta l’Europa qui nella nostra città, rappresentando sicuramente un fattore importante per il nostro turismo".

"Siamo profondamente radicati nella nostra comunità e vogliamo continuare su questa linea, con progetti che coinvolgono scuole locali, come la San Secondo di Albenga, e iniziative di integrazione sociale come il nostro accordo con VivaSport".

"Inoltre, collaboriamo attivamente con i servizi sociali dei comuni di Imperia e Pontedassio per portare da noi i ragazzi che vengono seguiti. Il nostro impegno va anche oltre il rugby che amiamo. Vogliamo essere un catalizzatore per la crescita della città e crediamo che lo sport sia un veicolo potente per il turismo, l’integrazione e tutti i possibili progetti”, conclude Massimo Zorniotti.

Morgan Germinario

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium