/ Politica

Politica | 26 luglio 2023, 17:06

Imperia, Claudio Scajola si sente nel mirino e si difende: "Ora basta!"

Faccio il sindaco con impegno e passione. E sono pronto a continuare a farlo, se ci saranno le condizioni", sottolinea l'ex ministro

Imperia, Claudio Scajola si sente nel mirino e si difende: "Ora basta!"

"Ora basta. Io non ho più intenzione di andare avanti così.  Non ho più intenzione di essere oggetto continuo di esposti, lettere anonime e accuse senza alcun fondamento, che hanno come unico obiettivo quello di colpire me e bloccare la crescita della città. Non ho più intenzione di assistere quotidianamente a esposti da parte di fonti confidenziali anonime, che diventano occasione per 'giornalate', con il solo interesse di ledere la mia immagine e, ancor peggio, di destabilizzare l'azione della mia Amministrazione. E quindi fare del male a Imperia", lo scrive in una nota inviata alle redazioni il sindaco Claudio Scajola poche ore dopo la nota con la quale la procura del capoluogo ha confermato l'indagine per abuso d'ufficio in relazione alla demolizione di un terrazzino

"Il mio unico interesse è far crescere la città, farla diventare bella e prospera come merita. E i progressi sono sotto gli occhi di tutti. Si è votato appena due mesi fa e i cittadini hanno riposto in me e nella mia squadra una fiducia enorme, con un distacco senza precedenti dal secondo candidato". 

Io sto dedicando tutto me stesso al ruolo di sindaco, con i miei pregi e i miei difetti, sacrificando la mia salute e la mia famiglia. E lo faccio con impegno e passione. E sono pronto a continuare a farlo, se ci saranno le condizioni. 

L'ho già detto: per me, a maggior ragione in questa fase della mia vita, i principi valgono molto più della poltrona. E questo sistema malato, basato su esposti anonimi, deve finire. Non per me, ma per il futuro di questa città. 

Perché non può esserci futuro luminoso per una città che accetta un sistema del genere. In cui devi difenderti dall'aver preso a cuore la situazione di un uomo in condizioni disperate, dal non aver voluto denunciare un ragazzo in difficoltà o dall'aver chiesto a un autista del Comune di riportare a casa un'anziana signora in situazione di palese fragilità. 

Non può esserci futuro per una città in cui sei costretto ad assistere a continue fughe di notizie di atti giudiziari. In cui c'è chi si diletta a fare opposizione fotografando le persone da lontano, nascosto nell'ombra, dietro gli angoli dei palazzi. In cui maldicenze e cattiverie diventano procedimenti giudiziari, poi ma solo poi, puntualmente archiviati.

In cui tre consiglieri comunali, Bracco, Zarbano e Sardi tentano di sovvertire l'esito democratico delle urne, che li ha visti pesantemente sconfitti, con un ricorso di ineleggibilità senza capo né coda e chiedono, in attesa di giudizio, che si blocchi l'attività del Comune. 


Confido che chi comprende il mio punto, siano cittadini, Istituzioni, chi ama costruire e non distruggere, mi aiuti ad andare avanti. Altrimenti, con questo stillicidio, diventa difficile lavorare a tempo pieno, con concentrazione e abnegazione, nel mestiere di sindaco", conclude l'ex ministro.

Diego David

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium