/ BuonGiro

BuonGiro | 19 maggio 2024, 08:00

Ganna è sempre più Top e il "volemose bene" finale è il ciclismo: a Livigno però non si scherza più

I complimenti reciproci con Pogacar e l'abbraccio con l'amico Milan sono l'emblema di questo sport. Domenica d'alta montagna, giorno X al Giro

Photo credits: LaPresse

Photo credits: LaPresse

Perchè il ciclismo ha quel qualcosa di speciale? Perché a fine corsa i due rivali principali si scambiano complimenti, chiacchierano, si abbracciano anche. E non succede solo nelle cronometro dove comunque è praticamente una rincorsa contro se stessi, ma anche nelle tappe di montagna e per velocisti (almeno che non ci siano contatti irregolari nello sprint finale). 

Ieri Filippo Ganna ha vinto la corsa contro il tempo con arrivo a Desenzano sul Garda prendendosi la rivincita contro Pogacar che invece gli aveva soffiato la vittoria nella prima crono di Perugia. E a fine corsa si sono stretti la mano e sorridenti hanno scambiato due battute prima della premiazione. Mi ha fatto anche strano, abituati soprattutto al calcio, anche vedere proprio TopGanna e Jonathan Milan, che sono sì amici per via della Nazionale  ma corridori di squadre diverse, essere fianco a fianco a vedere la prova di Tadej auspicando che rimanesse dietro al tempo  del pistard 27enne. Poi il fine corsa e si sono sciolti in un abbraccio con stretta di mano potente che veramente sa tanto di ciclismo.

Oggi però il volemose bene non conta più. Arriva il giorno X al Giro d'Italia. E ci si aspetta attacchi dagli "immobili", per ora, Thomas e Martinez, Pogacar permettendo che da tempo ha messo nel calendario il cerchiolino rosso sulla tappa di Livigno, così come Tiberi.

Si muoveranno i "delusi" e "deludenti" di queste prime due settimane della Corsa Rosa: da chi è comunque in top ten come Bardet (che ha ancora l'amaro in bocca per il secondo posto a Bocca della Selva) e Fortunato, a chi in generale è molto indietro come Hirt, Pozzovivo/Pellizzari, Storer, Chaves, Piganzoli, Juan Pedro Lopez, il duo Rubio/Quintana.

Non si scherza più. O forse in questo Giro non si è mai scherzato dentro la corsa, fuori sì ed è questo il bello.

 

IL COMMENTO TECNICO di Marco Rebagliati:

Tappa 15, tappone di alta montagna! Da Manerba del Garda a Livigno (Nottolino). Dopo lo sforzo massimale della cronometro di ieri, saranno 222 i chilometri da percorrere con 5400 metri di dislivello. La prima salita di giornata sarà Lodrino, seguita dal Colle San Zeno e poi dopo aver risalito la Val Camonica si affronterà il Passo del Mortirolo. Non sarà finita qui perché manca ancora il Passo del Foscagno e la salita finale composta dal Passo di Eira in cima al quale si segue la strada che risale la pista del Mottolino con pendenze che arrivano al 19%. Ad aumentare le difficoltà non saranno solamente le pendenze finali ma anche l'altitudine farà la sua parte perché i corridori si troveranno oltre i 2000 metri. Insomma tappone vero dove servirà fondo e sapersi alimentare bene per non avere crisi improvvise e bisogna aver recuperato il più possibile le energie dopo gli sforzi della crono di ieri.

Photo credits: LaPresse

Luciano Parodi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium