Politica - 12 aprile 2024, 16:07

Ddl diffamazione, le reazioni di +Europa e del Partito Democratico

L'emendamento presentato dal senatore ligure prevede le manette per i giornalisti

Ddl diffamazione, le reazioni di +Europa e del Partito Democratico

Dopo gli emendamenti presentati al ddl Diffamazione dal senatore di Fratelli d'Italia, il ligure Gianni Berrino, che prevedono sino a quattro anni e mezzo di carcere per i giornalisti, arriva anche la condanna di +Europa e del Partito Democratico.

Non siamo ancora la Repubblica di Salò! Il carcere per i giornalisti non è la soluzione al problema di una maggiore responsabilità nel legittimo esercizio della libertà di stampa”, commenta Mauro Gradi, coordinatore regionale e membro segreteria nazionale +Europa.

Il segretario regionale del Partito Democratico Davide Natale e il segretario provinciale Cristian Quesada, aggiungono: "La proposta del Senatore Berrino non solo va contro i principi fondamentali della nostra Costituzione, ma è anche in contrasto con la chiara richiesta della Corte Costituzionale, espressa nel 2021, che chiedeva di cancellare il carcere per i giornalisti e di eliminare qualsiasi azione che potesse limitare la libertà di stampa e di espressione. È inammissibile prevedere il carcere per i giornalisti, un'azione che rappresenta un grave attacco alla democrazia e al diritto dei cittadini di essere informati

La proposta fatta da Berrino al Senato - proseguono Natale e Quesada - non ci stupisce, ma ci indigna, fa parte di quella politica che teme l’informazione libera e vorrebbe mettergli il bavaglio. Chiediamo al candidato sindaco a Sanremo Gianni Rolando, che ha sempre dichiarato di essere stato scelto da Berrino, e a tutto il centrodestra che lo sostiene, di prendere le distanze dalle proposte del Senatore in merito all’introduzione del carcere per i giornalisti. Come Partito Democratico ribadiamo invece, il nostro impegno nel difendere la libertà di espressione e nel contrastare qualsiasi tentativo di limitare il diritto di cronaca e la libertà dei giornalisti”.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

SU