Attualità - 11 aprile 2024, 12:43

La rabbia dei balneari esplode a Roma, dalla Riviera contro la direttiva europea

Chiesto al governo un intervento per salvare le imprese che rischiano di finire nel baratro

La rabbia dei balneari esplode a Roma, dalla Riviera contro la direttiva europea

Sono scesi in piazza per protestare contro la Bolkestein, la direttiva europea che impone di metterà all’asta le concessioni in tutto il vecchio continente –  e per chiedere al governo una legge per “salvare la balneazione italiana”. Stamattina ha preso il via in piazza Santi Apostoli a Roma la manifestazione nazionale organizzata dalle associazioni dei balneari, Sib Confcommercio e Fiba Confesercenti.

Una manifestazione di protesta che ha richiamato migliaia di imprenditori arrivati da ogni parte d’Italia e anche dalla Riviera Ligure di Ponente. Presenti anche i sindaci e consiglieri dei comuni interessati dal momento che l’attuale situazione di stallo, senza una legislazione chiara e certa, è penalizzante sia per gli imprenditori che per i territori che li ospitano.

La mobilitazione – hanno spiegato i balneari arrivati da Imperia - si è resa necessaria per sollecitare tutte le forze politiche, il Parlamento e soprattutto il Governo ad intervenire in modo chiaro per dare stabilità all’intero comparto. La balneazione organizzata rappresenta un fiore all’occhiello del settore turistico italiano ed è stata costruita con amore e passione da migliaia di piccole imprese familiari. L’attuale situazione tende a creare illusioni: basta volgere lo sguardo ai per ora pochi esempi in cui le gare sono state espletate. Quanto programmato in Europa sta avendo effetti devastanti in molti Stati e in molti settori, partendo dall’agricoltura, all’informazione per finire con il turismo. Per queste ragioni lanciamo un accorato appello alla classe politica: salviamo i balneari, tuteliamo i nostri valori, le nostre aziende, la nostra gente”.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

SU