/ Eventi

Eventi | 24 maggio 2023, 12:34

Bellocchio a Cannes con Rapito: "Anche McQueen voleva fare un film su questa storia"

Dopo Aldo Moro, Fabrizio Gifuni torna sulla croisette: "E’ un personaggio che vive di poche scene, ma molto precise”

Marco Bellocchio e il cast di "Rapito"

Marco Bellocchio e il cast di "Rapito"

E’ l’applauso della sala stampa del Festival di Cannes ad accogliere Marco Bellocchio e il cast di “Rapito”, film in concorso che racconta la vera storia del rapimento di Edgardo Mortara nel 1858. I soldati di Pio IX irrompono nella casa della famiglia Mortara e su ordine del cardinale vanno a prendere Edgardo, un bambino di sette anni. Secondo le dichiarazioni di una domestica, il bimbo a sei mesi era stato segretamente battezzato perché ritenuto in punto di morte.

Io ho letto il libro – ha spiegato Bellocchio ai giornalisti - e mi sono innamorato di questa storica: da li nascono le ispirazioni e le immagini per poterla realizzare. Il momento della sceneggiatura è stato molto importante perché è stato impetuoso: c’era già tutto in questa storia per fare un film”. “Non abbiamo fatto – ha poi aggiunto - un film per andare contro il Papa, né volevo salvarlo: c’è un principio che riguarda l’intolleranza. Come se la religione avesse qualcosa di intollerante: certi dogmi devono essere rispettati, pena la fine della religione stessa”. “Questo – ha aggiunto il regista - non giustifica il Papa, ma ha prodotto una violenza estrema”.

Durante l’incontro con i giornalisti Bellocchio ha svelato poi un retroscena, cioè che il registra britannico Steve McQueen stava lavorando sullo stesso soggetto. “Cercavano – ha spiegato- gli agenti in Italia e molti attori. La cosa si è fermata perché non è stato trovato il bambino: è un film che non si può fare in una lingua che non sia italiano, latino e ebraico. Farlo in inglese avrebbe voluto dire fare un’altra pellicola”.  Tra i protagonisti indiscussi di “Rapito” c’è Enea Sala, che interpreta il piccolo Edgardo Mortara.  “Enea – ha sottolineato Bellocchio - mi ha stupito con il suo sguardo, con il suo dare alle parole un significato. Tanto più che lui non conosce la religione cattolica. Lui ha dato qualcosa più prezioso: la sua umanità ed angoscia. Il suo discreto dolore, così come l’enigma di certi sguardi che non capisci cosa stia pensando. Il piccolo storicamente non è mai stato maltrattato”.

Nel cast c’è Fabrizio Gifuni, che torna a Cannes dopo “Esterno notte”. Nel film del 2022, sempre diretto da Bellocchio, interpretava il protagonista Aldo Moro: è il secondo lungometraggio del regista basato sugli avvenimenti del 1978, dopo “Buongiorno, notte”. “Io sono partito dalla gioia -ha spiegato Gifuni - di fare un altro film di Marco Bellocchio. Da parte di noi interpreti non bisogna mai dimenticare il gioco, l’entrare in altre vite ed epoche. Le religione da esperienze belle e luminose, ma sembra siano quasi condannate dalla storia a diventare luoghi di intolleranza e violenza”. “E’ un personaggio che vive di poche scene, ma molto precise” ha concluso Gifuni.

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium