/ Attualità

Attualità | 02 aprile 2024, 12:13

Connessione internet a singhiozzo nell’entroterra, la Regione scarica le responsabilità: “Dal 2014 estromessi dalla gestione e spogliati dei fondi”

L’assessore Alessio Piana: “A oggi fondi, operatività e scelte decisionali sono ancora compiute a livello centrale”

Connessione internet a singhiozzo nell’entroterra, la Regione scarica le responsabilità: “Dal 2014 estromessi dalla gestione e spogliati dei fondi”

La connessione internet a due velocità, in Liguria, non è un segreto e spacca la regione in due dividendola tra la costa e l’entroterra. Nei centri abitati maggiormente popolosi e nelle località turistiche la fibra ottica è realtà ormai da tempo, mentre salendo per le vallate la situazione cambia radicalmente tra connessioni a singhiozzo e una velocità di navigazione che non consente di lavorare, studiare, vivere al passo con i tempi.

Le amministrazioni locali chiedono a gran voce un intervento che sia finalmente risolutivo, ma la soluzione sembra ancora lontana. Il piano per la banda ultralarga è arrivato anche all’attenzione del consiglio regionale con le interrogazioni presentate da Lista Sansa, Partito Democratico e Lega in merito ai ritardi per una equa digitalizzazione del territorio ligure.

Quello della banda ultralarga è un tema molto sentito nell’entroterra, stiamo cercando di fare tutto il possibile per colpare i gap che si è creato - ha risposto l’assessore con delega all’Innovazione Tecnologica, Alessio Piana - il progetto nazionale vede Infratel e Open Fiber come soggetti operativi, dal 2014 le Regioni sono state estromesse dalla gestione e spogliate dei fondi per un centralizzazione che già allora abbiamo cercato di contrastare con decine di milioni di euro sottratti e che abbiamo provato a recuperare almeno per quanto riguarda il ribasso d’asta, ma non ci è stato possibile in allora rientrare nella disponibilità delle risorse che avrebbero avuto effetti positivi. A oggi fondi, operatività e scelte decisionali sono ancora compiute a livello centrale”.

Nonostante ciò Regione Liguria, tramite Liguria Digitale, ha fornito il supporto per un’opera di facilitazione nei rapporti con il territorio - ha aggiunto l’assessore Piana - da una parte completare l’opera dove non è stata realizzata dall’altra creare un collegamento con le utenze che a volte sono ritenute poco interessanti o poco remunerative. Sono stati tre gli interventi: il primo a favore dei Comuni in collaborazione con Anci per la progettazione dell’infrastruttura, il secondo per l’ottenimento dei permessi e Regione Liguria ha avuto contatti con tutti gli enti con oltre dieci conferenze dei servizi, il terzo è il raccordo con le istituzioni centrali e con tutte le Regioni. Inoltre organizziamo incontro a cadenza mensile con Infratel e con Open Fiber per avere aggiornamenti”.

Pietro Zampedroni

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium